Portada » Persolfato di sodio
Persolfato di sodio

Persolfato di sodio

stoccaggio del persolfato di sodio

Il persolfato di sodio è il composto inorganico con la formula Na2S2O8. È il sale di sodio dell’acido perossidosolforico, H2S2O8, un agente ossidante. È un solido bianco che si dissolve in acqua. È quasi non igroscopico e ha una buona durata di conservazione.
Il potenziale redox standard del persolfato di sodio in idrogeno solforato è di 2,1 V, che è superiore a quello del perossido di idrogeno (1,8 V) ma inferiore a quello dell’ozono (2,2 V).[4] Il radicale solfato formato in situ ha un potenziale elettrodico standard di 2,7 V.
Tuttavia, ci sono alcuni inconvenienti nell’utilizzo di anodi di platino per produrre i sali; il processo di produzione è inefficiente a causa dell’evoluzione dell’ossigeno e il prodotto potrebbe contenere contaminanti provenienti dalla corrosione del platino (principalmente a causa della natura estremamente ossidante del radicale solfato). Così, gli elettrodi di diamante drogati con boro sono stati proposti come alternativa agli elettrodi di platino convenzionali.[5]
Viene utilizzato principalmente come iniziatore radicale per reazioni di polimerizzazione in emulsione per polimeri a base di stirene come l’acrilonitrile butadiene stirene.[3] Applicabile anche per la polimerizzazione accelerata di adesivi a bassa formaldeide.

tossicità del persolfato di sodio

Il persolfato di sodio è il composto inorganico con la formula Na2S2O8. È il sale di sodio dell’acido perossidosolforico, H2S2O8, un agente ossidante. È un solido bianco che si dissolve in acqua. È quasi non igroscopico e ha una buona durata di conservazione.
Il potenziale redox standard del persolfato di sodio in idrogeno solforato è di 2,1 V, che è superiore a quello del perossido di idrogeno (1,8 V) ma inferiore a quello dell’ozono (2,2 V).[4] Il radicale solfato formato in situ ha un potenziale standard di elettrodo di 2,7 V.
Tuttavia, ci sono alcuni inconvenienti nell’utilizzo di anodi di platino per produrre i sali; il processo di produzione è inefficiente a causa dell’evoluzione dell’ossigeno e il prodotto potrebbe contenere contaminanti provenienti dalla corrosione del platino (principalmente a causa della natura estremamente ossidante del radicale solfato). Così, gli elettrodi di diamante drogati con boro sono stati proposti come alternativa agli elettrodi di platino convenzionali.[5]
Viene utilizzato principalmente come iniziatore radicale per reazioni di polimerizzazione in emulsione per polimeri a base di stirene come l’acrilonitrile butadiene stirene.[3] Applicabile anche per la polimerizzazione accelerata di adesivi a bassa formaldeide.

persolfato di sodio in soluzione

Il perossisolfato di sodio è usato come iniziatore radicale per le reazioni di polimerizzazione dell’emulsione come acrilonitrile butadiene stirene, componente detergente, ammendante del suolo e bonifica del suolo. È anche usato per la polimerizzazione degli adesivi di formaldeide. Agisce come agente sbiancante e nella produzione di coloranti. Trova applicazione nello zinco e nei circuiti stampati ed è considerato un sostituto del persolfato di ammonio nelle miscele di incisione. Inoltre, è usato nella preparazione di diapocynin da apocynin. Gioca un ruolo nella conversione dei fenoli in para-difenoli in soluzione alcalina e delle arilammine in amminofenoli. È attivamente coinvolto nell’ossidazione del persolfato di Elbs e nelle reazioni di ossidazione di Boyland-Sims come agente ossidante.
Darsinou, B.; Frontistis, Z.; Antonopoulou, M.; Konstantinou, I.; Mantzavinos, D. Sono-activated persulfate oxidation of bisphenol A: Kinetics, pathways and the controversial role of temperature. Chem. Eng. J. 2015, 280, 623-633.Huang, K.; Wang, J.; Wu, D.; Lin, S. Solfato di rame idrossile come catalizzatore eterogeneo per l’ossidazione catalitica del perossido umido di fenolo. RSC Adv. 2015, 5 (11), 8455-8462.

ossidazione del persolfato di sodio

Stabilità Instabile. Forte ossidante. Il contatto con materiale combustibile può causare incendi. Incompatibile con materiale combustibile, agenti riducenti forti, basi forti, alcoli, alluminio, magnesio. Proteggere dall’umidità.
Il persolfato di sodio, noto anche come perossisolfato di sodio è un cristallo bianco o polvere cristallina, inodore, insapore. La formula è Na2S2O8, la massa molecolare relativa è 238,13. Decomposizione graduale a temperatura ambiente, riscaldamento o decomporre rapidamente in etanolo, decomposizione per rilasciare ossigeno e produrre pirosolfato di sodio. Umidità e nero di platino, argento, piombo, ferro, rame, magnesio, nichel, manganese e altri ioni metallici o loro leghe possono promuovere la decomposizione, si decompone rapidamente ed emette perossido di idrogeno ad alta temperatura (circa 200 ℃). È solubile in acqua (70,4 quando 20 ℃).
Il persolfato di sodio è fortemente ossidante. C’è una forte irritazione per la pelle, contatto prolungato con la pelle può causare allergie, dovrebbe prestare attenzione ad esso quando il funzionamento. LD50 orale del ratto è 895mg/kg. Dovrebbe essere stoccaggio sigillato. riscaldare il persolfato di ammonio e idrossido di sodio o soluzione di carbonato di sodio per rimuovere l’anidride carbonica e ammoniaca per ottenere persolfato di sodio nel laboratorio.

Related Posts