Portada » Test di resistenza
Test di resistenza

Test di resistenza

Rapporto del test di resistenza

Al momento del lancio sul mercato, i prototipi e le versioni di preserie della EQC (consumo combinato: 21,3 – 20,2 kWh/100 km; emissioni di CO₂ combinate: 0 g/km)** avranno percorso diversi milioni di chilometri durante i test in quattro continenti (Europa, Nord America, Asia e Africa). Il programma di test comprende più di 500 prove individuali.
Come tutti i veicoli Mercedes-Benz, la EQC deve superare l’impegnativo programma di test standard. Ci sono anche test speciali per la catena cinematica elettrica, la batteria e l’interazione di tutti i componenti della catena cinematica. Nel processo gli esperti di test sono in grado di basarsi sui risultati estesi del loro lavoro di test digitale, utilizzato per garantire sia la costruibilità del veicolo che per la simulazione, ad esempio, del comportamento di crash, dell’aerodinamica e di NVH: rumore, vibrazioni, durezza. Inoltre ci sono test intensivi su numerosi banchi di prova presso il Mercedes-Benz Technology Centre di Sindelfingen. Il rapporto tra test digitali e reali è di circa il 35-65%.

Test di resistenza in polizia

Il test VO2max è la misura più efficace della capacità del corpo di fornire e utilizzare l’ossigeno per produrre energia che può essere utilizzata dai muscoli. Il VO2max (cioè la massima potenza aerobica) indica semplicemente il volume massimo di ossigeno che può essere utilizzato.
Durante la maggior parte delle competizioni di resistenza, gli atleti fanno molto affidamento sull’energia sviluppata attraverso il sistema aerobico. Per questo motivo, i piani di allenamento di molti atleti di resistenza si concentrano quasi esclusivamente sullo sviluppo della capacità aerobica e della resistenza. Il test VO2max è la misura più efficace della capacità del corpo di fornire e utilizzare l’ossigeno per produrre energia che può essere utilizzata dai muscoli. Il VO2max (noto anche come potenza aerobica massima) indica semplicemente il volume massimo di ossigeno (O2) che può essere utilizzato.
Questa misurazione è importante perché più ossigeno un individuo può consumare, più energia (ATP) può essere prodotta per i muscoli da usare per contrarsi. Affinché l’atleta si muova più velocemente, deve essere disponibile più energia per permettere a un muscolo di contrarsi più rapidamente, di contrarsi con più forza, o una combinazione di queste due cose. Pertanto, più energia un atleta può liberare attraverso il sistema aerobico, più velocemente può muoversi.

Esempi di test di resistenza

Non tutti i fattori che influenzano un motore possono essere simulati virtualmente. Questo include, ad esempio, i segni di usura, anche se la durata dei singoli materiali è, ovviamente, prevedibile. Sui nostri moderni banchi di prova per motori e componenti di motori, testiamo i gruppi propulsori e i loro componenti per diverse centinaia di ore in un test di resistenza e li “guidiamo” fino a 100.000 km e oltre prima di farli correre su una strada.Inoltre, sviluppiamo in collaborazione con i nostri clienti i cosiddetti “test concentrati” per ridurre i periodi di prova.In questo modo, possiamo misurare e analizzare con precisione l’usura dei singoli componenti per essere in grado di rivedere, se necessario, la loro qualità e progettazione – e quindi di rendere il motore ancora più resistente.
Durabilità su un banco di provaDurante le nostre indagini sull’usura stiamo testando i componenti su un arco di tempo precedentemente fissato e poi indagare l’usura avvenuta. In questo modo si può testare, ad esempio, se la durata e le prestazioni funzionali di tutti i componenti soddisfano i requisiti per la durata di un intero sistema.

Test di resistenza vs test di stress

Contrariamente al test HALT (highly accelerated life testing) che accompagna lo sviluppo, per mezzo del quale si possono rilevare i difetti di progettazione, il test di resistenza che accompagna la produzione viene condotto per rilevare i difetti di produzione e i prodotti difettosi.
Come produttore di banchi di prova di resistenza legati alla produzione per prodotti meccanici, elettrici e meccatronici, dobbiamo utilizzare le interfacce elettriche e meccaniche dei prodotti da testare, in particolare le loro condizioni di carico e di applicazione, per simularle nei nostri banchi di prova.
SOMA Test Technology ha sviluppato un ambiente software di prova dedicato con casi di carico liberamente definibili e ampie opzioni di visualizzazione e valutazione che viene utilizzato per sviluppare compiti di controllo, stimolazione e misurazione e costituisce la base per numerosi banchi di prova di durata realistici.

Related Posts