Portada » Vite testa quadra
Vite testa quadra

Vite testa quadra

chiave esagonale

L’importanza del design della vite con testa a croce risiede nella sua proprietà autocentrante, utile nelle linee di produzione automatizzate che utilizzano cacciaviti a motore.[2] Il contributo maggiore di Phillips fu nel portare avanti il concetto di testa a croce fino al punto in cui fu adottato dai produttori di viti e dalle aziende automobilistiche. L’inventore accreditato della vite Phillips fu John P. Thompson che, nel 1932, brevettò (#1.908.080) una vite a croce incassata e, nel 1933, un cacciavite per essa.[3]
Dopo aver fallito nell’interessare i produttori, Thompson vendette il suo progetto autocentrante a Phillips nel 1935.[4] Phillips formò la Phillips Screw Company nel 1934. Dopo aver perfezionato il progetto (U.S. Patent #2,046,343, U.S. Patents #2,046,837 to 2,046,840) per l’American Screw Company di Providence, Rhode Island, Phillips riuscì a portare il progetto alla produzione industriale e a promuovere la sua rapida adozione come vite standard per macchine.[5] Uno dei primi clienti fu General Motors che usò il progetto innovativo nel 1936 per le sue linee di assemblaggio Cadillac. Entro il 1940, l’85% dei produttori di viti degli Stati Uniti aveva una licenza per il design.[6] A causa della salute cagionevole, Phillips si ritirò nel 1945. Morì nel 1958.

2 vite a testa quadrata

La testa quadrata, esterna, che si trova su un bullone a testa quadrata offre un’ampia area di appoggio per una presa positiva. Un tempo, i bulloni a testa quadrata (anche detti bulloni quadrati) erano lo standard industriale prima di essere sostituiti dai bulloni a testa esagonale. Ora, sono comunemente scelti per motivi estetici per creare un look rustico nei nuovi edifici o per abbinare i dispositivi di fissaggio esistenti in un vecchio edificio.
Come fornitore di bulloni a testa quadra, AFT offre una vasta selezione di bulloni completamente filettati e parzialmente filettati con dimensioni di bulloni che vanno da 1/4″ fino a 1-1/2″, e lunghezze da 1″ fino a 17″. I nostri bulloni a testa quadra sono disponibili in versione liscia, zincata e galvanizzata a caldo – che offre la massima resistenza alla corrosione per ambienti difficili. Come sempre, contattateci oggi stesso se non riuscite a trovare i prodotti esatti di cui avete bisogno.

vite di regolazione

Che tu sia un professionista della costruzione o un determinato autocostruttore, un progetto può davvero essere “rovinato” (gioco di parole) se non si usano i driver appropriati per quella vite. Sono finiti i giorni in cui si prendevano viti e un cacciavite da un barattolo di caffè arrugginito. I progetti di qualità richiedono pianificazione, abilità e gli strumenti appropriati, e Leola Fasteners è il posto perfetto per iniziare, con una varietà di avvitatori, elementi di fissaggio e altre forniture per aiutarti a fare le cose per bene. Controlla tutte le diverse scelte – una misura o un tipo non va bene per tutti. Gli armadietti e i mobili hanno bisogno di elementi di fissaggio diversi da quelli per ponti, capannoni e case modulari. Leola Fasteners, un fornitore nazionale con sede a Lancaster di avvitatori, viti, bulloni e altri elementi di fissaggio di alta qualità, può aiutarti.
Decine di diversi azionamenti per viti oltre le viti con intaglio e Phillips sono stati sviluppati per forza, facilità d’uso, resistenza alle manomissioni, azionamenti manuali e industriali – per tutti i tipi di applicazioni. Tre viti popolari oggi includono le viti a stella, le viti con impronta Phillips (sì, sono ancora molto usate) e le viti con impronta quadrata. Ecco un rapido riepilogo di alcuni dei vantaggi di ogni tipo, ma quando si tratta di scegliere la quantità, la lunghezza, le caratteristiche speciali e la facilità d’uso, chiamaci a Leola Fasteners e parla con un professionista (717) 656-0256. Noi possiamo aiutarvi.

nome della vite a testa quadrata

Cam out (anche cam-out o camming out) è un processo attraverso il quale un cacciavite scivola fuori dalla testa di una vite da guidare una volta che la coppia necessaria per girare la vite supera una certa quantità.[1] Ripetutamente camming out danneggia la vite, e forse anche il cacciavite, e dovrebbe normalmente essere evitato.
Il design del cacciavite Phillips ha la tendenza a uscire durante il funzionamento a causa delle superfici di contatto angolate che creano una forza assiale che spinge il driver fuori dalla cavità quando viene applicata la coppia. Nonostante la credenza popolare[2], non ci sono prove chiare che questa fosse una caratteristica di progettazione deliberata. Quando la domanda di brevetto originale fu depositata nel 1933, gli inventori descrissero gli obiettivi chiave come la fornitura di un incavo per la testa della vite che (a) può essere prodotto con una semplice operazione di punzonatura e che (b) è adattato per un impegno stabile con un utensile di guida con “nessuna tendenza del driver ad uscire”[3].
Tuttavia, la proprietà della vite Phillips di uscire facilmente si è rivelata un vantaggio quando era azionata da utensili elettrici di quel tempo che avevano frizioni a slittamento relativamente inaffidabili, poiché il cam-out proteggeva la vite, le filettature e la punta da danni dovuti a una coppia eccessiva. Un brevetto successivo che perfeziona il design della vite Phillips nel 1942 descrive questa caratteristica e sostiene inoltre che se le frizioni di azionamento della vite fossero perfette, si potrebbe utilizzare un incavo della vite con angoli di contatto verticali nulli (e quindi nessuna forza assiale di cam-out), ma sostiene che dove questi sono stati provati, hanno prevalso risultati insoddisfacenti sulle linee di assemblaggio poiché i driver non sono usciti in tempo per prevenire danni[4].

Related Posts