Come scaricare google pay su iphone

Come scaricare google pay su iphone

Scaricare Google pay

Apple Pay® – Questa tecnologia di pagamento è disponibile per i modelli di iPhone® e iPad® dotati di Face ID o Touch ID (tranne l’iPhone 5s) e per l’Apple Watch® (Serie 1 e 2 e successive). La tecnologia necessaria è preinstallata su questi dispositivi.3

eBookPreparatevi al futuro dei pagamentiScarica oraScarica oraPer accedere ai nostri contenuti premium, vi preghiamo di condividere i vostri dati di contatto. Grazie per aver condiviso i tuoi dati di contatto.Preparati al futuro dei pagamentiScarica ora

eBook5 compiti che possono rubare tempo alla vostra aziendaScarica oraPer favore, condividi i tuoi dati di contatto per accedere ai nostri contenuti premium. Grazie per aver condiviso le vostre informazioni di contatto.5 Attività che possono rubare tempo alla vostra aziendaScarica ora

Zelle

Ben Luthi scrive di finanza personale dal 2013, aiutando le persone a capire come sfruttare al meglio i premi delle carte di credito e a prendere decisioni finanziarie intelligenti. Ha scritto per NerdWallet, Student Loan Hero, U.S. News & World Report e Bankrate, tra gli altri.

Erika Rasure è la fondatrice di Crypto Goddess, la prima comunità di apprendimento dedicata alle donne per imparare a investire il proprio denaro – e se stesse – in criptovalute, blockchain e nel futuro della finanza e degli asset digitali. È una terapeuta finanziaria ed è riconosciuta a livello mondiale come una delle principali esperte di finanza personale e di criptovalute.

Infine, è possibile decidere di attivare la funzione di personalizzazione, che tiene traccia della vostra attività per personalizzare la vostra esperienza nell’app per comodità. Se non siete sicuri, potete richiedere un promemoria tra tre mesi o semplicemente lasciarla disattivata.

Toccate la scheda Esplora in basso a sinistra dello schermo e iscrivete una carta di credito o di debito al programma. Scorrete quindi verso il basso per visualizzare le diverse offerte e aggiungerle alla vostra carta. Quindi utilizzate la carta, sia quella fisica che la versione elettronica online o tramite tap to pay, e otterrete il premio.

Feedback

Ridurre lo scambio e la gestione del contante è un altro modo per diminuire l’esposizione. Quando si usa una carta di debito o una carta di credito, gli acquirenti devono spesso digitare il numero di pin o selezionare il pulsante OK per completare la transazione. Apple Pay è stato progettato per essere senza contatto: basta toccare o passare il dispositivo sul lettore/terminale di pagamento.

Altri vantaggi per gli utenti ipovedenti sono che possono sentirsi più sicuri utilizzando Apple Pay rispetto a qualsiasi altro tipo di carta, semplicemente perché possono vedere molto rapidamente l’importo che è stato addebitato loro. Con una normale transazione con carta, si ha solo la parola del commesso per sapere quanto si sta pagando. Si riceve immediatamente una notifica del portafoglio Apple, annunciata da VoiceOver. È anche molto sicuro, perché se il telefono dovesse essere rubato, qualcun altro non potrebbe usare l’Apple Wallet perché è protetto dalla vostra impronta digitale o dal Face ID.

Si noti che Apple offre la possibilità di catturare un’immagine della carta per risparmiare tempo durante l’inserimento delle informazioni. Ma questo non è adatto agli utenti che non hanno dimestichezza con la fotocamera. Se si vuole procedere in questo modo, si può optare per l’aiuto visivo di un amico o di un familiare fidato.

Google pay business

Sebbene i due sistemi sembrino ugualmente robusti, le aziende adottano approcci diversi che determinano ciò che i loro prodotti possono o non possono fare. Per il consumatore, l’uso di Touch ID rispetto all’autenticazione tramite PIN è la differenza più visibile, ma dietro le quinte succede molto di più. La cosa più importante è che nessuno dei due sistemi rivela al fornitore i dati della carta di credito dell’utente.

Apple utilizza un sistema diverso, noto come tokenizzazione. In questo caso, quando i dati della carta vengono forniti al dispositivo, quest’ultimo contatta direttamente la banca emittente e, dopo la conferma, riceve un token specifico per il dispositivo e la carta, chiamato Device Account Number (DAN), che viene memorizzato in un chip sicuro sul dispositivo. Il DAN assomiglia strutturalmente a un numero di carta di credito e viene trasmesso all’esercente quando viene effettuato un pagamento prima di essere autorizzato dalla banca.

Apple, invece, dichiara esplicitamente che non terrà mai traccia delle vostre transazioni. Apple non memorizzerà nemmeno i dati della carta sui suoi server o sui vostri dispositivi. Apple si limita a trasmettere la carta alla banca, ad autenticarla con quest’ultima e a ricevere e memorizzare il DAN inviato dalla banca.